La passione per la pesca mi è stata trasmessa da mio padre quando ero solo un bambino. Da allora, è diventata la mia maniera per separarmi da ogni problema. Perdersi nelle piccolezze della natura, nei dettagli di un ambiente, di un animale, di qualcosa di vivo e che mi fa sentire vivo... La pesca è rispetto, la pesca è confronto, la pesca è osservare. È un vero e proprio stile di vita.
PESCA AUTUNNALE, CAVEDANI IN STREET FISHING In questo periodo dell’anno mi piace molto cercare i cavedani in contesto cittadino. È un pesce che viene snobbato da molti pescatori, ma secondo me è un degno avversario. Quando ci si mette, sa essere un pesce molto selettivo, è un animale scaltro, diffidente. – LE ESCHE Quando lo

MARMORATE A CHATTERBAIT

Ebbene sì, avete letto bene, Chatterbait! Vi è mai capitato di trovare i pesci letteralmente piantati? Magari pure di vederli, provarle tutte e non riuscire ad ottenere nemmeno un attacco. Bene, questo è ciò che mi è accaduto in una sessione di pesca alla marmorata in torrente. Condizioni difficili, sole alto, livelli molto bassi… Ho

TEMOLI A SPINFLY E NON SOLO!

Il temolo, un pesce regale, maestoso anche nella piccolezza. Un animale selettivo, difficile da pescare a mosca, figuriamoci con un’attrezzatura da spinning. LE ESCHE È un punto cruciale di questa pesca, che reputo davvero difficile in alcune situazioni, in altre semplicemente devastante… Ovvero lo Spinfly, che consiste nell’utilizzo dei classici canna e mulinello da spinning,
Saró sempre dell’idea che non è il fiume che deve adattarsi a noi, ma noi che dobbiamo addatarci al fiume. Questo lo dico perché ho iniziato ad utilizzare questa Hard Bait per un fatto di necessità, dal momento che con una determinata condizione ho riscontrato un’estrema compatibilità dell’esca con lo spot e l’atteggiamento dei pesci.

Native e Soft Baits

Native e Soft Baits
– PERCHÉ SI UTILIZZA LA GOMMA? La riposta a questa domanda è semplice. Non sempre i pesci sono propensi ad attaccare esche di reazione, questo è dato (spesso e volentieri) da fattori di natura climatica. Una temperatura dell’acqua eccessivamente bassa o elevata, blocca letteralmente l’attività dei pesci. Dunque, si gioca molto su due fattori. Il